• 10 MAG 18
    • 0
    Skypetherapy: relazioni d’aiuto on line

    Skypetherapy: relazioni d’aiuto on line

    E’ inevitabile il progresso tecnologico, di fronte a questo possiamo decidere di fermarci a guardare per vedere “dove si andrà a finire” oppure entrare nel vortice dell’evoluzione tecnologica, senza estraniarci e automatizzarci……questa la sfida.

    L’evoluzione digitale ormai ha coinvolto plurimi settori, la finanza, il marketing, le relazioni sociali e persino la medicina. Infatti on line sono presenti milioni di siti dove è possibile farsi autodiagnosi e in alcuni casi avere anche consulenze on line.

    E la psicologia che fa? La scienza della relazioni umani che basa la efficacia su aspetti quali empatia, calore, contatto visivo, fiducia ecc. ha il coraggio di stare a passo con i tempi, oppure si definisce al livello valoriale estranea a queste nuove forme di relazione d’aiuto?

    Nel 2013 il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (CNOP) ha modificato l’articolo 1 del codice deontologico in …. Le stese regole si applicano anche nei casi in cui le prestazioni, o parte di esse, vengano effettuate a distanza, via internet o con qualunque altro mezzo elettronici e/o telematico.

    Successivamente il CNOP ha elaborato le Raccomandazioni sulle prestazioni psicologiche attraverso tecnologie di comunicazioni a distanza.

    Per tutti coloro che volessero usufruire di un servizio psicologico on line è utile sapere che tra le varie raccomandazioni quella più importante cita: Nell’ambito delle attività cliniche (quali la psicoterapia, la psicodiagnosi ecc. ) l’instaurazione di un rapporto diretto, di persona, è condizione indispensabile per un eventuale successivo utilizzo dei dispositivi di comunicazione a distanza.

    crop433_online2.jpgtnIn poche parole, questo significa che non si può iniziare una psicoterapia o una consulenza  psicologica senza prima aver effettuato degli incontri face to face. Sono possibili brevi scambi di comunicazione , via mail, chat ecc. dove la persona può avere una prima accoglienza e inquadramento del suo disagio,  poi se si desidera approfondire, bisogna incontrarsi!

    Il recarsi fisicamente da un professionista vuol dire crearsi uno spazio fisico e mentale per prendersi cura del proprio disagio, vuol dire prendersi del tempo, e già questo è terapeutico di per sé!

    L’incontro vis-a-vis è, infatti, in grado di fornire sensazioni e percezioni rispetto ad un eventuale sintonia e fiducia, che può nascere con il professionista e che può convincere ad iniziare un percorso vero e proprio. Inoltre il supporto psicologico tramite la tecnologia, non si deve scambiare con il sostegno domiciliare che comunque è caratterizzato da un incontro fisico tra il professionista e l’utente.

    Quindi una skypetherapy si può iniziare dopo un periodo di sedute face to face, dove si è già creata un’alleanza terapeutica, dove l’utente sente di potersi fidare proprio di quel professionista e quest’ultimo ha valutato che ci sono i presupposti per un sostegno a distanza (per esempio assenza di psicopatologie gravi) .

    Esempi tipici di una skypetherapy possono essere quelle situazioni in cui il cliente deve trasferirsi in un’altra città, o è momentaneamente impossibilitato a recarsi a studio (per malattie proprie o dei propri cari, per complicazioni in gravidanze, o nel post partum, per momenti di transizioni rispetto a progetti di vita ecc.) Il contatto on line può permettere di accorciare le distanze, di garantire una continuità di presa in carico, di ridurre l’isolamento o di sostenere nella ricerca di un altro collega ecc.

    La rete aiuta, sostiene, incoraggia, crea ponti, lenisce solitudini. Ma ciò che sostiene la rete sono i punti nodali, senza i quali la rete non ha tensione, struttura. I punti nodali della rete virtuali sono le persone, e ciò che può fare davvero la differenza è l’incontro tra le persone, ossia la relazione che si instaura aldilà del mezzo!

    A cura della dott.ssa Maria Cristina Bivona

    Condividi questo articolo con chi vuoi...

    Lascia un commento →